Dieta di gennaioFood La salute è la prima cosa 

Come aiutare il nostro organismo a depurarsi.

Sharing is caring!

 

Dopo le feste, aiutiamo l’intestino a depurarsi!

 

Il nostro intestino è l’organo più affaticato dopo le festività. 

Possiamo avere disturbi come, meteorismo, difficoltà di digestione, dolori. Tuttavia avere l’intestino disturbato genera malessere e stanchezza. Per recuperare la piena funzionalità possiamo adottare piccole strategie come ad esempio, eliminare per almeno una settimana ogni alimento composto con farina: pasta, pizza, pane, biscotti, fette biscottate, dolci,prodotti da forno, sostituire questi alimenti con cereali interi (farro, miglio, orzo, segale, riso integrale, mais,quinoa, grano saraceno…) che apportano carboidrati complessi .

Tra i legumi, da consumare almeno tre volte alla settimana, preferite lenticchie, ceci e fagioli, anche come passati per migliorare il grado di digeribilità. 

Introdurre verdura cruda all’inizio di ogni pasto, mista e fresca di stagione, finemente tagliata per favorire la funzionalità dello stomaco, usare aceto di mele al posto del sale, arricchire con frutta secca (alcuni gherigli di noce o mandorle o semi di zucca o pistacchi…), ricchi di omega 3. Terminare ogni pasto con un piatto di verdura di stagione cotta, oppure come minestrone o passato di verdura. Usare come condimento olio extra vergine di oliva. 

La fibra idrosolubile, contenuta nei cereali interi, nei legumi e nella verdura, forma con l’acqua nell’intestino tenue un gel che protegge i villi intestinali; inoltre ha una positiva azione prebiotica nel colon.

La carne bianca, da consumare un paio di volte alla settimana, è fonte di proteine e ricca in ferro.

Il pesce, da consumare tre volte alla settimana, fornisce soprattutto acidi grassi insaturi omega 3, in particolare due polinsaturi chiamati EPA, DHA , essenziali per funzionalità intestinale e soprattutto cerebrale. 

Le uova proteine con aminoacidi essenziali, omega 3, vitamina D, vitamina B12 e altri nutrienti essenzialiBere almeno 1,5/ 2 L di acqua al giorno prima, durante e dopo ogni pasto, scegliere acqua con residuo fisso secco superiore a 500 mg / litro.

Durante la giornata sana scelta è preparare e assumere centrifugati misti di verdura (80%) e frutta (20%). I centrifugati vanno assunti lontano dai pasti o a metà del mattino o nel pomeriggio oppure dopo cena.

Mangiare di stagione

Gennaio, è soprattutto periodo di agrumi: arance, cedri, mandarini e clementine non possono proprio mancare nel carrello della spesa.Tutti gli agrumi sono ricchi di vitamina C, fibre e zuccheri; sono, quindi, alimenti ottimi per affrontare il freddo. Per beneficiare a pieno delle loro qualità nutrizionali, è preferibile consumarli a spicchi, anziché spremuti.

Sulla tavola di gennaio non possono mancare neanche i kiwi. Il kiwi è un vero concentrato di vitamina C, ne contiene un quantitativo superiore rispetto agli agrumi. È, inoltre, rinfrescante, dissetante e diuretico, ma, soprattutto, può vantare ottime qualità lassative grazie soprattutto alla ricchezza di fibre. 

Mangiare di stagione a gennaio vuol dire portare in tavola cavoli, cavolfiori, broccoli, verze, rape, finocchi,radicchio rosso, cicoria catalogna e spinaci. Il finocchio è un grande alleato per chi vuole seguire una dieta dopo gli eccessi delle feste: è poco calorico, altamente digeribile e depurativo. Da consumare crudo o cotto, a fine pasto oppure come contorno. Broccoli, cavolfiori, verze, cavoli e rape sono ortaggi molto versatili, che possono entrare in tante ricette, dall’antipasto, al primo, al secondo piatto, al contorno. Sono ricchissimi di vitamine, minerali e sostanze antiossidanti.

Il radicchio rosso può essere consumato crudo, alla griglia, come condimento per il risotto e in molti altri modi. Gli spinaci sono meno ricchi di ferro di quanto comunemente si pensi; per beneficiare di tutte le qualità andrebbero preferibilmente consumati freschissimi, crudi e conditi con succo di limone, o comunque abbinati a un alimento ricco di vitamina C.

Buona depurazione e buon appetito!

Dott.ssa Daniela Proietti

Biologa Nutrizionista

Sharing is caring!

Dott.ssa Daniela Proietti

Daniela nasce a Roma 32 anni fa.

Dopo la laurea in Biologia Cellulare e Molecolare presso l’Università di Roma Tor Vergata e con un master in “Nutrizione Personalizzata: Basi Molecolari e Genetiche” presso la medesima Università, rendendola una professionista ad ampio spettro.
Cultrice della sana alimentazione e amante dello sport e in particolare del nuoto. Amante della cucina ama cucinare pietanze leggere e sane ma anche piatti gustosi per gli amici il sabato sera. Una volta alla settimana si può sgarrare.
Dott.ssa Daniela Proietti

Related posts

Leave a Comment