Now Listening 

Roba fresca e concreta. Il bel disco di fine anno degli Ocropoiz

Sharing is caring!

 

Le terre del Sannio ci regalano quattro giovanissimi musicisti, dall’età media di diciotto anni. Il loro incontro dà vita agli Ocropoiz, pronti al debutto col disco “Foto Post – Mortem”, in pubblicazione il prossimo nove dicembre.

Abbiamo avuto la possibilità di saggiare attraverso un ascolto in anteprima il potenziale della band, la cui espressione artistica si muove nei campi del post rock cantato in italiano, una versione alternative lontana dagli schemi canonici e dalle dinamiche di mercato oramai consuete anche negli ambienti emergenti. La mezz’ora di ascolto è risultata piacevole: il buon impatto ai timpani dell’ascoltatore è dato dalla sapiente scelta della playlist, che alterna episodi di maggior violenza ad altri dai toni più contenuti; è un universo di rabbia e decadenza quello disegnato dagli Ocropoiz, ed anche il titolo ne fa esplicito riferimento omaggiando quella pratica grottesca di fotografare i cari deceduti tanto in voga in epoca Vittoriana.

Punti di maggiore ispirazione coincidono con la title-song, ma l’impressione generale è di avere a che fare con episodi che si snodano con concreta coerenza.

È il momento della vita (personale ed artistica) dove i quattro membri possono permettersi di essere incasinati, incerti e francamente incazzati nei confronti dei prossimi scenari che il mondo sembra disegnare per loro.

Per adesso, va bene così: roba fresca e concreta per un bel disco di fine anno.

Sharing is caring!

INFO

Giandomenico Piccolo

Giornalista pubblicista, speaker radiofonico e studente di comunicazione: mi affido al pensiero trasversale contro i luoghi comuni e le scarne apparenze.
INFO

Related posts

Leave a Comment