In evidenza Interviste 

I FAKE: da Così a Mi Guardo LOL. Ecco la loro storia…

Fake, intanto come nasce il nome della band e chi sono i Fake.

Il nome nasce dall’esigenza assoluta di raccontarsi in modo sincero e dalla “paura” di non riuscirci. Per esorcizzare questa paura le abbiamo rubato il nome. I Fake sono. Fabrizio Bolpagni (voce), Luca Ferrara (batteria), Mattia Missaglia (basso).

Quanto è difficile tenere insieme una band oggi?

Oggi è un’impresa, soprattutto per chi come noi, è nato un attimo prima del lockdown.

Analizziamo brano per brano. Parlateci di “Così”, che rappresenta l’esordio discografico.

La magia di un bacio che non abbiamo mai preso ma che il solo pensiero ci ha fatto innamorare, un treno che arriva in ritardo senza che si sappia il perché, la felicità di raggiungere un traguardo, Il dubbio di avere commesso un errore dicendo la verità… Tutto questo è “COSÌ”

Continua la collaborazione con Francesco Ciccotti anche in “Dillo”, due parole su questo brano scelto da un nuovo brand per la pubblicità. In più l’apertura a Max Gazzè.

“Dillo” è il brano che ci ha aperto alcune porte. Diventare uno spot sulle reti Mediaset non è una cosa da tutti i giorni e di ciò ringraziamo di cuore il brand “Susuna” per averci scelti.  Ed anche aprire un concerto di Max è stata un’esperienza splendida.

Penultimo, non per classifica ma per ordine di tempo (oltre 300mila visual) “L’infinito parte da zero”.

Con questo brano raccontiamo come l’amore vada oltre ogni cosa. Qualche volta basta riavvolgere il nastro e guardarsi con gli occhi di qualche anno prima. Non tutto è davvero dimenticato e quando crediamo di essere al punto zero, forse, sta partendo per arrivare all’infinito.

Uscirà un album o continuerete a sfornare singoli (come succede perlopiù adesso)?

Ci piacerebbe l’idea di continuare a raccontare tante cose, poi si vedrà.

Prossimi obbiettivi?

Tanti brani, tanti live ed almeno un po’ di serenità.

Il nuovo singolo dei FAKE, Mi Guardo LOL è uscito il 16 luglio 2021. Un quadro vintage che non puoi fare a meno di guardare, un po’ di colore sul muro grigio. Invece di credere a tutto, impariamo a credere nei sorrisi.

Contatti web

Related posts

Leave a Comment